Assoservizi - Corsi in partenza

Mini Master in Export Management - 64 ore

OBIETTIVI DEL CORSO: In un contesto di mercato dove l'internazionalizzazione rappresenta l'asse portante delle strategie aziendali della maggior parte delle aziende italiane, la figura dell'Export Manager e, più in generale, il ruolo di tutto il Management coinvolto negli aspetti operativi dell'internazionalizzazione, diventano centrali e di fondamentale importanza per gestire situazioni sempre più complesse e competitive.
Il master ha come obiettivo quello di fornire conoscenze teorico/pratiche per un corretto approccio ai mercati esteri in relazione a modalità contrattuali, barriere doganali, adempimenti fiscali e amministrativi.

 

DOCENTI: Le lezioni sono tenute da professionisti che lavorano da anni con aziende internazionalizzate.

 

DESTINATARI: imprenditori, manager, addetti commerciali, export manager, consulenti.

DURATA: 64 ore, 8 giornate

 

PROGRAMMA

 

I MODULO - MARKETING INTERNAZIONALE - 8 ore


• Internazionalizzazione: lo scenario di riferimento.
• Marketing management: marketing analitico, strategico e operativo nell'accesso ad un mercato estero.
• La scelta strategica dei mercati.
• Valutazione fattori di rischio finanziario, di eventuali politiche protezionistiche, delle tendenze culturali.
• Azioni da intraprendere per capire come adeguare un prodotto/servizio alle richieste del mercato di destinazione.
• Azioni di comunicazione (quali fattori valutare per la partecipazione a fiere e eventi, l'importanza delle campionature di prodotto, azioni di PR presso gli opinion leader, adeguamento dell'identità di marca o prodotto).
• Scelte di distribuzione (la selezione degli intermediari commerciali e i fattori di rischio nella scelta del tipo di canale).

 

II MODULO - LA CONTRATTUALISTICA INTERNAZIONALE


• Il contratto internazionale: caratteristiche generali; problemi relativi alla sua negoziazione e stipulazione.
• Contratto scritto e orale: i rischi legati all'assenza di un contratto scritto.
• Lettere di intenti (LOI), Memorandum of Understanding (MOU) e documenti simili.
• L'uso dei modelli di contratto – la lingua del contratto.
• La legge applicabile. Perché sceglierla? Analisi delle varie alternative. Come redigere le clausole di scelta della legge applicabile.
• Scelta del foro e/o dell'arbitrato.
• I principali contratti utilizzati dalle aziende italiane esportatrici.
• La vendita internazionale: Convenzione di Vienna, Incoterms, redazione di condizioni generali.
• Contratti con agenti, distributori, procacciatori di affari.
• Analisi delle principali clausole di alcuni modelli di contratto internazionali elaborati dall'In¬ter¬national Distribution Institute (IDI).

 

III MODULO - INCOTERMS 2010 - I termini di resa -

La pubblicazione INCOTERMS 2010 .
• Le voci di nolo e spesa differenti ai vari Incoterms.
• I nuovi obblighi di collaborazione tra importatore ed esportatore.
• Le spese di movimentazione e precauzioni per evitare la duplicazione delle stesse.
• La soppressione dei termini DES, DEQ, DDU.
• L'introduzione dei nuovi termini DAT, DAP.
• Analisi Termini di Resa.
• Osservazioni e criticità di ciascun termine di resa:
• Le nuove indicazioni sul termine EXW e difficoltà correlate.
• FCA modalità di utilizzo.
• I termini FOB, CFR, CIF (navali): il cambiamento del punto critico; Eventuali rischi dello Shipper; indicazioni e contrindicazioni sul credito documentario; i nuovi obblighi di assicurazione merci – (ICC – 2009 il rischio di errata assicurazione); i casi di responsabilità per eventuale ritardo della merce.
• I Termini CPT e CIP: corretto utilizzo anche nel trasporto marittimo; obblighi assicurativi.
• I Termini DAP, DAT, DDP: modalità di utilizzo.
• Incoterms e credito documentario, principali problematiche correlate alle UCP 660 e alla prassi bancaria internazionale Uniforme.

 

 

IV MODULO - I TRASPORTI INTERNAZIONALI


• La legislazione Italiana dello spedizioniere.
• Il contratto di spedizione clausole generali e vessatorie in base al contratto depositato presso le camere di commercio 1975 e successive modifiche e integrazioni.
• La responsabilità dello spedizioniere in base alle operazioni svolte.
• Modalità di conferimento di un corretto mandato allo spedizioniere.
• La legislazione Italiana del vettore obblighi e responsabilità delle parti.
• Il contratto di autotrasporto con particolare riguardo alla D.lgs 286/2005, modificato dal D.Lgs.214/2008 e dalla L.127/2010 e dell'articolo 83 bis del D.L. n.112/2008 convertito dalla legge n.133/2008, modificato dalla legge di stabilità 2015) in materia di contratto di trasporto scritto compenso gestione pallet, tempi di carico e scarico.
• La scheda di trasporto e modalità di compilazione.
• La convenzione di trasporto stradale CMR.
• Le convenzioni marittime principali (AJA-VISBY, COGSA, Amburgo).
• Le convenzioni del trasporto aereo.
• La corretta procedura del trasporto.

 


V MODULO - LA FISCALITA' INTERNAZIONALE


Operazioni internazionali - Adempimenti IVA e INTRASTAT

• Le cessioni all'esportazione:
- Cessioni all'esportazione dirette, indirette, assimilate;
- Le prove dell'avvenuta esportazione (sistema ECS);
- Regime IVA relativo agli acconti su esportazioni;
- Gli scambi con la Repubblica di San Marino.

• Le operazioni intracomunitarie:
- I requisiti delle operazioni intracomunitarie;
- Le cessioni e gli acquisti intracomunitari: adempimenti;
- Presentazione e compilazione degli elenchi Intrastat;
- La movimentazione intracomunitaria senza trasferimento della proprietà.

• Le operazioni complesse: operazioni triangolari e quadrangolari:
- Le operazioni triangolari nazionali in esportazione;
- Le operazioni triangolari nazionali comunitarie;
- Le triangolazioni comunitarie: riflessi fiscali dei termini di resa ai fini della prova all'esportazioni:
- Le triangolazioni in importazione;
- La nuova disciplina Iva sui beni inviati in lavorazione in Ue;
- Il nuovo regime sanzionatorio: impatti sul reverse charge nelle operazioni internazionali.

• Le operazioni di servizi in ambito internazionale:
- Prestazioni generiche ed in deroga: (prestazioni fieristiche, prestazioni di trasporto, prestazioni immobiliari, prestazioni di intermediazione);
- Fatturazione e adempimenti.

 

VI MODULO - NORMATIVE DOGANALI: principi e meccanismi di funzionamento


• Quadro generale della documentazione necessaria per operare correttamente con l'estero.
• Analisi dei principali documenti internazionali di trasporto, all'origine delle merci e alle procedure doganali in materia di import/export:

IMPORT: Registrazione ed archiviazione delle bollette doganali di importazione. Il regime dei divieti. I dazi doganali. Il certificato DV1. Il calcolo ed il pagamento dei diritti doganali. La revisione dell'accertamento delle bollette doganali. La visita preventiva.

- EXPORT. Il ruolo della fattura ed i suoi elementi obbligatori. I visti consolari. Il ruolo del DDT. Compilazione della CMR. Il ruolo del packing list. Il regime dei divieti all'esportazione. Gli MRN emessi in altri Paesi della UE. Le prove alternative dell'avvenuta esportazione. Le esportazioni triangolari. Le esportazioni a groupage.
-
VII MODULO - I PAGAMENTI INTERNAZIONALI E LA GESTIONE DEL RISCHIO DEL CREDITO


• Il credito estero: individuazione e gestione dei rischi.
• Le variabili critiche: importo, paese, merce, forza contrattuale, cliente.
• Export e Trade Finance.
• La gestione dei pagamenti nelle operazioni con l'estero.
• Gli strumenti di pagamento internazionale.
• L'assicurazione dei crediti nell'esportazione.

 

VIII MODULO – guida all'esportazione worldwide - 8 ore


Mercato Nord Americano
• Unione Doganale (Russia, BieloRussia, Kazakistan)

  • Brasile
  • Australia e Nuova Zelanda
  • Turchia
  • Cina
  • Giappone
  • Korea del Sud

 

 

CALENDARIO:da definire

 

Orario: 9.00-13.00 e 14.00-18.00

 

QUOTA DI PARTECIPAZIONE:

CORSO INTERO:
€ 1.200 + IVA per Aziende Associate Confindustria Toscana Sud
€ 1.400 + IVA per Aziende non Associate Confindustria Toscana Sud

 

SINGOLO MODULO:
€ 200 + IVA per Aziende Associate Confindustria Toscana Sud
€ 250 + IVA per Aziende non Associate Confindustria Toscana Sud

 

SEDE: Assoservizi Srl, Via Roma 2, 52100 Arezzo

 

 

 

  • 1
  • 2
  • 3
Corso per Carrellisti - 12 ore - 18 e 19 luglio

OBIETTIVI DEL CORSO:

Portare i carrellisti ad una conoscenza approfondita del carrello elevatore: componenti, utilizzo e limiti d’impiego, alla luce delle nuove disposizioni sancite dall’ Accordo Stato – Regioni, pubblicato il 22/02/2012.

 

Leggi tutto...
Formazione Sicurezza Lavoratori - Rischio Basso - 8 ore - 27 giugno

OBIETTIVI DEL CORSO: Fornire gli elementi di aggiornamento formativo ai lavoratori in accordo con i contenuti previsti dal D.Lgs. 81/08 e dall'accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Leggi tutto...
Corso di Aggiornamento per Carrellisti - 4 ore - 19 luglio

OBIETTIVI DEL CORSO:
Il corso si prefigge di aggiornare la formazione del lavoratore sull'utilizzo in sicurezza del carrello elevatore, secondo quanto previsto dall' Accordo Stato – Regioni, pubblicato il 22/02/2012.

 

Leggi tutto...
CORSO DI FORMAZIONE per LEAD AUDITOR DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA’ - ISO 9001:2015 - ore 40 Corso certificato da KHC Srl

OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso ha lo scopo di formare i partecipanti sulle metodologie di esecuzione degli Audit di terza parte secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17021:2015 applicata alla valutazione di Sistemi di Gestione per la Qualità secondo un approccio per processi.

 

Il corso, riconosciuto dall'Organismo di Certificazione del Personale KHC, è tenuto da Docenti/Auditor qualificati da AENOR ITALIA S.r.l. e dallo stesso KHC.

Leggi tutto...
Formazione e aggiornamento per l'utilizzo dei defibrillatori semiautomatici (BLSD LAICO) - 25 giugno

 

OBIETTIVI DEL CORSO:
Il corso BLSD mira all'intervento tempestivo in caso di urgenza-emergenza che può favorire la risoluzione dello stato patologico che si manifesta in maniera improvvisa.

Leggi tutto...